Accedi

La Cattedrale di Ostuni, dedicata a Santa Maria Assunta, è un capolavoro architettonico situato nel cuore di questa affascinante città pugliese. La sua storia affonda le radici nel XV secolo, durante l’episcopato di Nicola Arpone (1437-1470), quando fu avviata la costruzione dell’edificio. Questo magnifico luogo di culto fu poi completato nel corso del XVI secolo, intorno al 1500.

L’aspetto esterno della cattedrale presenta un incantevole gioco di forme e dettagli architettonici. La facciata, tripartita e suddivisa da eleganti lesene, incanta lo sguardo con un coronamento particolarmente unico. Qui, una serie di curve sinuose si dipanano creando una cuspide centrale e due curve esterne che delimitano le navate laterali. Lungo i margini delle curve, una cornice continua a punta di diamante accentua la loro grazia, mentre un motivo di archetti trilobati sostenuti da protomi umane e animali si snoda lungo il bordo inferiore.

I tre portali di ingresso, con archi acuti leggermente carenati, sono decorati da elementi in pietra scolpita a forma di fune. La lunetta sopra il portale centrale presenta un pregevole altorilievo raffigurante la Vergine Maria in trono con il Bambino, circondata da due angeli in volo. Ai suoi piedi, in segno di omaggio, si trova il vescovo Nicola Arpone, raffigurato in ginocchio. Le lunette laterali ospitano le raffigurazioni di San Giovanni e di San Biagio, il patrono di Ostuni, che tiene tra le mani un modellino della città.

Le caratteristiche architettoniche si estendono anche alla parte superiore della facciata, dove due oculi presentano raggiera decorate con otto colonnine ciascuna. Il portale principale è sormontato da un maestoso rosone centrale composto da una doppia fila di colonne: ventiquattro colonnine slanciate con capitelli sono collegate da archetti trilobati nella parte esterna, mentre otto colonnine più tozze si trovano nella parte interna. Al centro del rosone, in un rilievo a tutto tondo, emerge la figura di Cristo Salvator Mundi, circondato da cherubini. Un nastro decorativo aggettante con fregi vegetali e busti di profeti circonda il rosone, aggiungendo ulteriore bellezza e complessità all’insieme.

L’interno della cattedrale, nel corso dei secoli, ha subito varie modifiche e interventi, che hanno contribuito a creare un’atmosfera di straordinaria ricchezza e sfarzo tardo barocco. Il catino absidale, seppur leggermente spostato rispetto all’asse della navata principale, conserva ancora una notevole bellezza.

Nonostante i cambiamenti subiti nel corso dei secoli, la Cattedrale di Ostuni rimane un gioiello architettonico che testimonia la ricca storia e l’arte della regione. La sua facciata straordinariamente decorata e l’interno sontuoso rappresentano un invito a scoprire e ammirare il patrimonio artistico e culturale di questa incantevole città pugliese.

Categorie

Regioni

Aggiungi Recensione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Servizio
Rapporto qualità prezzo
Posizione
Pulizia
Qualità della musica